Laboratorio sociale e di integrazione a Pregassona

Progetto per il comparto di Via Industria, Via Ceresio e Via Maggi

La zona di Via Industria a Pregassona è fortemente toccata già da un paio di anni da situazioni sociali che hanno suscitato una reazione pubblica, mettendo in evidenza problematiche di ghettizzazione e di integrazione.  

La Commissione di quartiere di Pregassona ha promosso a inizio 2019 il progetto denominato “Laboratorio sociale e di integrazione”, con il quale si vorrebbe riqualificare il settore tra Via Industria, Via Ceresio e Via G. Maggi (vedi mappa), puntando a una collaborazione tra pubblico e privato, al fine di creare una rete di servizi, favorire l’integrazione e la coesione sociale e promuovere un diverso uso degli spazi pubblici.
Dal maggio 2020 il “Laboratorio sociale e di integrazione” è gestito e coordinato dall’Associazione Amélie.

Qui di seguito alcune delle proposte/idee in elaborazione che riguardano e coinvolgono famiglie, bambini, anziani, persone bisognose, con andicap e richiedenti d’asilo del comparto in questione. Le seguenti proposte/idee saranno valutate e messe in opera prossimamente: 

  • diversificazione dei residenti: si auspica una migliore distribuzione e assegnazione degli alloggi, non concentrando i vari casi sociali all’interno del “grattacielo” di Via Industria 
  • parco giochi (A): il parco giochi dovrebbe essere rinnovato, come da progetto, con due nuovi campi da calcio in sintetico per bambini e ragazzi, una nuova pavimentazione per il campo da basket, l’aggiunta di giochi per i bambini più piccoli (scivolo, casetta, altalena, sabbiera), di panchine e di uno spazio per sosta, nonché di una zona dedicata alla permacultura
  • centro di socializzazione/sala multiuso (E/F/G): il centro, inteso come uno spazio dove socializzare e non un luogo di sosta giornaliera, potrebbe accogliere bambini da 0 a 3 anni e essere anche un luogo dove organizzare atelier, attività e corsi durante tutto l’anno
  • atelier (B/F/G): le attività esterne, che hanno riscosso un buon successo, in collaborazione con il progetto Krei Art di Pregassona, potrebbero essere ripetute durante la primavera-estate sempre al parco giochi, e durante l’autunno-inverno proposte nel “centro di socializzazione” di cui sopra
  • orti condivisi (C): si intendono creare degli spazi per orti condivisi, da assegnare a chi ne fa richiesta o promuovendo l’orticoltura presso la popolazione residente. L’area interessata sarà integrata nel parco giochi, lungo il sentiero del Cassarate
  • operatore socio-assistenziale: assunzione di un operatore, figura di riferimento per l’assistenza sociale, l’organizzazione di attività, l’eventuale animazione e lo sviluppo delle collaborazioni con gli enti citati e associazioni  
  • materiale (D): la casetta posta presso la palestra all’aperto potrebbe essere spostata al parco giochi e riutilizzata come ripostiglio per le attività all’aperto e gestita dall’operatore socio-assistenziale
  • riqualificazione degli spazi esterni: gli spazi esterni posti intorno agli edifici privati si potrebbero riqualificare (giardini, aiuole) 
  • spazi abbandonati (G): all’inizio di via Industria vi è un settore formato da un piccolo parco giochi ed edifici vetusti e pericolanti. Data la proliferazione di abitazioni si propone l’utilizzazione di questi spazi per la creazione degli asili nido/sale multiuso, unitamente al futuro progetto di ristrutturazione previsto dal Municipio

    La riqualifica della zona di Via Industria è una necessità del quartiere, per rispondere in maniera positiva al disagio sociale, che da anni lo caratterizza.
    L’Associazione Amélie è molto impegnata nello sviluppo della zona e, conoscendo bene il territorio, può rispondere in maniera puntuale ai bisogni espressi dagli abitanti.
    Il ruolo degli altri partner nel progetto non va certamente sottovalutato o dimenticato: il lavoro di rete per lo sviluppo territoriale è senz’altro fondamentale per la buona riuscita del progetto.

Durata del progetto: tre anni.

La riqualifica della zona di Via Industria è una necessità del quartiere, per rispondere in maniera positiva al disagio sociale, che da anni lo caratterizza.
L’Associazione Amélie è molto impegnata nello sviluppo della zona e conoscendo bene il territorio, può rispondere in maniera puntuale ai bisogni espressi dagli abitanti.
Il ruolo degli altri partner nel progetto non va certamente sottovalutato o dimenticato: il lavoro di rete per lo sviluppo territoriale è senz’altro fondamentale alla buona riuscita del progetto.

Nel quartiere sono presenti i seguenti progetti complementari, attivati e gestiti dalla Commissione di quartiere di Pregassona, che si integrano nel progetto e si rivolgono a tutte le fasce della popolazione:

Festa di quartiere e delle associazioni: l’evento è nato per coinvolgere tutta la popolazione residente nel quartiere ad attività, spettacoli, giochi e vede la partecipazione di molte associazioni. Si svolge al Capannone dal 2019 e si ripete tutti gli anni

Festa dei bambini e delle famiglie: si svolge al campetto di Via Industria e l’ultima edizione, nel settembre del 2019, ha visto la partecipazione di numerosi bambini e famiglie

Ginnastica/Walking per la terza età: l’attività viene svolta in collaborazione con l’ATTE (Associazione Ticinese Terza Età) ed è rivolta in special modo agli anziani, ma anche ad altre persone che vorrebbero svolgere attività di movimento all’aperto

Aiuto allo studio: rivolto ai bambini in difficoltà scolastiche della Scuola elementare della Bozzoreda, vede l’impegno di volontari, tra i quali insegnanti in pensione, e si svolge nell’Ufficio della Commissione di quartiere

Colonia estiva: la colonia si svolge nel mese di agosto, in collaborazione con l’Associazione Kreiamoci. La mancanza di attività simili in questo periodo e le numerose richieste da parte delle famiglie hanno fatto nascere questo nuovo progetto 

Il progetto ha già ricevuto un contributo finanziario dalla Società svizzera di utilità pubblica e vinto un concorso indetto da SGG «impegno locale», che ne hanno apprezzato la valenza e lo scopo. 

Il progetto è sostenuto dalla Divisione socialità della Città di Lugano, dalla Società svizzera di utilità pubblica di Zurigo, Engagement locale di Schweizerische Gemeinnützige Gesellschaft SGG «impegno locale», Banca Raiffeisen di Lugano, Ugo Bassi SA di Pregassona, e collaborano attivamente l’Associazione Ticinese Terza Età di Lugano, Commissione di quartiere di Pregassona, Croce Rossa Svizzera sezione del Sottoceneri, Associazione Kreiamoci di Pregassona, Sos Ticino- Soccorso Operaio Svizzero sezione di Lugano.